MENU
 

Menu di sezione

 
 

Contenuto della pagina

Archivio newsletter

Newsletter

 
Newsletter del 27/03/2012

 ”Le innocenti diavolerie di Edoardo Bellodi”

Castello di Brescia - Piccolo Miglio
31 marzo – 2 maggio 2012
Inaugurazione sabato 31 marzo 2012 - ore 17.00

 

Sabato 31 marzo, nello spazio espositivo del Piccolo Miglio - Castello di Brescia, apre al pubblico “Le innocenti diavolerie di Edoardo Bellodi”. La mostra è promossa dalla Fondazione Civiltà Bresciana che, a seguito del lascito della vedova Bellodi, Adriana Baratti, è entrata in possesso di un consistente nucleo di opere dell'artista. Per dare il giusto riconoscimento al pittore di adozione bresciana, la Fondazione Civiltà Bresciana ha scelto di realizzare questa antologica e pubblicarne il catalogo, con il patrocinio del Comune di Brescia, della Provincia di Brescia e con la collaborazione tecnica della Fondazione Brescia Musei.

Con l’occasione, viene esposta una rassegna di opere significative, grazie alle quali viene presentato alla città il lavoro di una vita dell’artista: “un personaggio del tutto singolare.

La pittura colta, allucinata, carica di sarcasmo e di malinconia metafisica, ma pure di grottesca ribellione, incredibilmente spontanea e imprevedibile, spazia letteralmente fuori del tempo e nelle regioni dell’assurdo, rendendo persino ovvi accostamenti impensabili. Nei suoi quadri coesistono, in perfetta armonia, personaggi della cronaca quotidiana con fiabeschi eroi ed eroine,  cieli solcati da voli di animali usciti da antichissimi e affascinanti bestiari là, dove l’orizzonte si apre a una tranquilla veduta di strada, piena di silenzio.

Indro Montanelli scrisse di lui: «… La sua scelta […] verso un candido espressionismo  carico di elementi grotteschi. Quelli colti dalla deformata cronaca di tutti i giorni, con un immaginismo a volte azzardato ma, in ogni caso, seducente, sia quando l’autore conferisce ai suoi personaggi intensità patetica e sentimentale […] sia quando registra scoppi sussultanti di vita […]. Riesce a rendere quel senso di ironia che c’è in ogni atteggiamento dell’uomo grazie ad un travaglio di unione tra reale e surreale che sottende una scelta formale che solo apparentemente può sembrare naïf, ma che in verità è complessa e severa».

 

Ingresso libero

Orario di apertura del museo
dal 1 marzo al 31 luglio 2012:

 

da martedì a venerdì dalle 9.30 alle 13.00,

sabato e domenica dalle 14.30 alle 18.00.

Giorno di chiusura: tutti i lunedì non festivi.

 

Per info CUP:Tel. 030/2977834

 


 
 
 

«  Archivio newsletter