MENU
 

Menu di sezione

 
 

Contenuto della pagina

Archivio newsletter

Newsletter

 
Newsletter del 16/12/2014

 L'ultimo dell'anno al Museo di Santa Giulia!

 
In occasione della serata dell’ultimo dell’anno Fondazione Brescia Musei, in collaborazione con il Comune di Brescia, organizza negli affascinanti ambienti del Museo di Santa Giulia, un capodanno davvero originale.
I partecipanti potranno viaggiare, a ritroso nel tempo, alla scoperta degli antichi calendari e di come i popoli del passato festeggiavano l’arrivo del nuovo anno, con quali rituali e del perché essi fossero diversi l’uno dall’altro.
 
Un’esperienza originale, dedicata ad un massimo di cento persone prenotate, per trascorrere festosamente, insieme ai propri cari e agli amici, la serata che segna il passaggio dal vecchio al nuovo anno, per festeggiare divertendosi, legando cultura e convivialità.
 
Il programma prevede un itinerario scandito da soste in cui immergersi nell’atmosfera di riti e feste antiche, evocati da letture e narrazioni, sollecitate dai preziosi materiali esposti o dalle stesse mura del monastero dense di storia. Il percorso si snoda dalla penombra delle sale che custodiscono le testimonianze celtiche e romane, alla suggestione della cripta longobarda, fino agli ambienti dedicati all’epoca rinascimentale.
Ma non si tratta di nutrimento solo dello spirito: durante il percorso, nel corso delle diverse tappe, sarà proposta una cena inusuale, itinerante e con cibi e bevande ispirati alle abitudini culinarie di età antica, dal popolo germanico a quello  romano. Poi, al momento dell’avvicinarsi del nuovo anno … brindisi finale e sorprese per tutti!
 
Costi e prenotazioni
Costo € 80,00 a persona (massimo di 100 partecipanti).
Prenotazione obbligatoria entro domenica 28 dicembre p.v. presso il CUP del Museo di Santa Giulia
(lunedì-domenica, dalle ore 10 alle 16)
Tel. 030.2977833/834; santagiulia@bresciamusei.com
www.bresciamusei.com

E' un'iniziativa di Fondazione Brescia Musei e Comune di Brescia.
In collaborazione con Eco&You (Verolanuova) e Bistrò Popolare (Brescia).

 
 
 
 

«  Archivio newsletter