MENU
 

Menu di sezione

 
 

Contenuto della pagina

Archivio newsletter

Newsletter

 
Newsletter del 25/10/2016

 DADA 1916. La nascita dell'ANTIARTE E' AL CINEMA

Un cineconcerto per celebrare la potenza creativa del mondo Dada

Mercoledì 26 ottobre alle ore 21.00
Due donne a confronto a quasi un secolo di distanza:
la grande Germaine Dulac musicata da Francesca Badalini
 



Dopo il successo registrato dalla rassegna cinematografica dedicata all’arte di Christo tornano gli incontri al Nuovo Eden dedicati all’approfondimento delle esposizioni ospitate al Museo di Santa Giulia nell’ambito del Ciclo di mostre “Brescia 1916-2016: Cento Anni di Avanguardie” che, dal 2 ottobre 2016 al 26 febbraio 2017, Fondazione Brescia Musei dedica ai capolavori dell’Arte Moderna.

Mercoledì 26 ottobre alle ore 21 in programma al Nuovo Eden si terrà il primo dei cinque appuntamenti collaterali che affiancheranno la mostra DADA 1916. La nascita dell’antiarte, realizzata in collaborazione con Università Cattolica e Accademia di Belle Arti Santa Giulia e curata da Luigi Di Corato, Elena Di Raddo, Francesco Tedeschi.

Così come la mostra ha l’obiettivo di documentare, attraverso 270 opere e oggetti originali, la potenza creativa del movimento che ha sconvolto l’arte di tutto il mondo a cento anni dalla sua nascita, così la rassegna - curata da Massimo Locatelli, Università Cattolica del Sacro Cuore in collaborazione con Nuovo Eden - racconterà come la sperimentazione pura del Dada si è confrontata con il cinema ai suoi albori.

Un cineconcerto dedicato a Germaine Dulac unica donna del movimento d’Avanguardia del Cinema Francese e mondiale. Giornalista, critica teatrale, femminista, Germaine ha soprattutto sperimentato, teorizzato, “fatto” il cinema. Se è diventato settima arte lo si deve anche a lei. Due dei suoi lavori più conosciuti – “La coquille et le clergyman” e “Thèmes et variations” saranno per l’occasione musicati dal vivo da un’altra donna: Francesca Badalini, musicista e compositrice di musiche per teatro, film di animazione, lungometraggi, cortometraggi e documentari.

INFORMAZIONI:

Biglietto di ingresso: 3,00 euro

Per info: www.nuovoeden.it - info@nuovoeden.it

Per prenotazioni ed acquisti online: www.nuovoeden.it oppure 199208002

 


 

IL PROGRAMMA COMPLETO

Mercoledì 23 novembre, ore 21

DREAMS THAT MONEY CAN BUY

di Hans Richter. Con Jack Bittner, Max Ernst. Durata 85’

Alcuni pazienti si presentano nello studio di Joe (Jack Bittner), giovane squattrinato improvvisatosi venditore di sogni. Diretto dal pittore e regista dada Hans Richter e prodotto da Peggy Guggenheim il film ha visto la collaborazione anche di Max Ernst, Paul Bowles, Fernand Léger, John Latouche, Libby Holmann, Josh White, Man Ray, Darius Milhaud, Marcel Duchamp, John Cage, Alexander Calder, David Diamond e Louis Applebaum.

 

Martedì 13 dicembre, ore 21

CORTI DADA & DINTORNI con LIVE SOUNDTRACK ELETTRONICA ESEGUITA DA PAINE’ CUADRELLI

Durata 60’

Hans Richter, Man Ray, René Claire, Fernand Léger, Dudley Murphy, Viking Eggeling. Una carrellata di corti d’autore, Rhytme 21, Rhytme 23, Entrac’te, Emak Bakia sono solo alcune delle opere che si potranno godere in una serata unica. Immagini che si compongono e scompongono, per la sola gioia di vivere e guardare, accompagnate per l’occasione dai suoni di Painè Cuadrelli produttore musicale, sound designer e dj.

Mercoledì 18 gennaio 2017, ore 21

L’ANGELO STERMINATORE

di Luis Buñuel. Con Silvia Pinal, Enrique Rambal, Jacqueline Andere. Drammatico. Durata: 95’

Alcuni borghesi in serata di gala si ritrovano per una cena dopo teatro nella villa di uno di loro. Progressivamente, il salone della festa si trasforma in una prigione dalla quale nessuno può più uscire né entrare a causa di una forza misteriosa. L’incantesimo dura a lungo, facendo via via emergere gli istinti più bassi di ognuno. Uno dei film più belli diretti dal grande maestro spagnolo in cui la trama è solo un pretesto per scavare nei meandri della psicologia umana del mondo borghese la cui morale, per Buñuel, diventa antimorale.

Mercoledì 22 febbraio, ore 21

CINE|DADA

Progetto a cura di Paolo Fossati ed Emanuele Galesi.

Una serata che accompagnerà all’esplorazione dei rapporti tra il dadaismo e la settima arte. Con la visione guidata di alcune sequenze, si metteranno a fuoco le caratteristiche del cinema dadaista e si fornirà una interessante e curiosa panoramica che giunge a riconoscerne i riferimenti nelle pellicole di alcuni dei più noti cineasti: da Roman Polanski a Jean Luc Godard e David Lynch. Una carrellata di esperienze artistiche sul grande schermo che arriva fino a Wes Anderson e Michel Gondry, senza dimenticare le ricadute in fenomeni di massa della serialità televisiva, come i Simpson.



 CORSO DI STORIA DELL'ARTE

Al via gli incontri per gli appassionati d’arte e non solo
PER UNA NUOVA PINACOTECA.
I SEGRETI DELLA TOSIO MARTINENGO
Sei puntate per scoprire la storia e gli aspetti più inediti di un grande museo
 
 
Giovedì 27 ottobre alle ore 17.00
White room Museo di Santa Giulia 
Storia di un dono: la Pinacoteca Tosio Martinengo dalla fondazione ai giorni nostri
Roberta D’Adda

 

Mentre proseguono a pieno ritmo i lavori per la ristrutturazione della Pinacoteca Tosio Martinengo, Fondazione Brescia Musei e Comune di Brescia propongono alla cittadinanza un breve corso di storia dell’arte, appuntamento consueto al quale negli ultimi anni ha partecipato un pubblico folto e attentissimo di appassionati.
 
Al fine di aggiornare i cittadini sullo stato di fatto dei “lavori in corso”, condividendo con loro i contenuti del nuovo progetto scientifico di allestimento, si è pensato di dedicare il consueto appuntamento annuale del corso di storia dell’arte proprio alla nuova Pinacoteca.
 
Il corso prenderà avvio da una ricostruzione storica, che seguirà le vicende della Pinacoteca dalla sua fondazione fino all’attualità: si parlerà quindi della collezione del conte Paolo Tosio, dell’appartamento progettato da Rodolfo Vantini per il nobile mecenate, della prima apertura del Museo e del suo collegamento con la Scuola Moretto, arrivando via via al Novecento con la modernizzazione del Museo promossa da Giulio Zappa. Tra fotografie e inventari manoscritti si seguirà la politica delle acquisizioni e quella delle grandi mostre, analizzando le logiche più profonde che hanno determinato l’attuale configurazione delle raccolte. 

Negli appuntamenti successivi, diversi interventi metteranno in luce la straordinaria ricchezza e varietà delle collezioni d’arte dei Musei Civici: non solo i grandi capolavori del Rinascimento, ma anche le collezioni di arti decorative, i disegni e le stampe, per arrivare fino ad alcuni nuclei di grande particolarità come quelli degli strumenti musicali e dei dipinti giapponesi. Dopo un incontro dedicato alle attività di studio e di ricerca che accompagnano la vita della Pinacoteca e delle sue collezioni, la conclusione non potrà che essere dedicata al museo futuro, ai i nuovi criteri di musealizzazione, alle innovative postazioni multimediali e agli altri accorgimenti che metteranno la nuova Pinacoteca al passo con i più importanti musei europei.
 
Gli incontri vedranno impegnati in qualità di relatori il direttore della Fondazione, Luigi Maria Di Corato, e il conservatore della raccolta, Roberta D’Adda, affiancati dagli operatori dei Servizi educativi, gli storici dell’arte Davide Sforzini e Fiorenzo Fisogni; interverrà inoltre, sul tema della pittura bresciana del Cinquecento, il professor Francesco Frangi, che fa parte della commissione istituita e coordinata da Fondazione Brescia Musei allo scopo di elaborare il nuovo progetto scientifico del Museo.
 
 
 
Calendario degli appuntamenti:
 
10 novembre
Collezioni e collezionisti: protagonisti, gusti e oggetti degli amatori bresciani tra Otto e Novecento, dai liuti al Giappone
Roberta D’Adda
 
 
17 novembre
I capolavori della pittura dal Quattro al Settecento: un viaggio da Raffaello a Ceruti  
Francesco Frangi
 
 
24 novembre
Dai Neoclassici ai Futuristi: le opere d’arte moderna e contemporanea, ‘invisibili’ dal 1989  
Davide Sforzini
 
 
01 dicembre
Intuizioni, ricerche e scoperte: il lavoro degli studiosi in vista della Nuova Pinacoteca  
Fiorenzo Fisogni
 
 
15 dicembre
Dietro le quinte: la vita quotidiana delle collezioni e il progetto del Museo futuro
Luigi Maria Di Corato
 
 
 
Tutte le lezioni si terranno presso la White Room del Museo di Santa Giulia alle ore 17.00
Durata: ore 1,30 circa
Costo del corso: € 50,00
Prenotazioni presso CUP Museo di Santa Giulia 030.2977834-833
Per informazioni www.bresciamusei.com

 LA DOMENICA DADAISTA

IMPERDIBILE LA DOMENICA DADAISTA!
TUTTE LE DOMENICHE 
Visite speciali, incontri e appuntamenti a sorpresa 
dedicati alla grande mostra

 
 
Con il Patrocinio di: Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo; Confederazione Svizzera – Consolato Generale di Svizzera a Milano; Istituto Svizzero. 
 
Ricorre nel 2016 il centenario della nascita di Dada, il movimento artistico più anarchico e innovativo dell’arte del Novecento e per questa occasione Comune di Brescia e Fondazione Brescia Musei – con la collaborazione di Accademia di Belle Arti Santa Giulia e Università Cattolica del Sacro Cuore – realizzano la principale mostra in Italia dedicata all’anniversario del Dada presentando 270 tra opere d’arte e documenti originali dei protagonisti della scena Dada a partire dal 1916 sino alla fine degli anni Venti.
  
VISITE GUIDATE SPECIALI
Fino al termine della mostra, tutte le domeniche alle ore 15.30 un appuntamento imperdibile: itinerari attraverso le straordinarie opere dei protagonisti Dada, dalle immagini ottenute con il collage o il fotomontaggio, all’ironia delle composizioni grafiche agli assemblaggi irriverenti, per scoprire le origini del movimento la cui funzione principale era quella di distruggere una concezione ormai vecchia e desueta dell’arte.  
 
INFORMAZIONI
Ritrovo ore 15.30 presso la biglietteria del Museo di Santa Giulia
Durata circa ore 1,30'
Biglietti € 5 ridotto - € 3,50 dai 6 ai 13 anni 
Servizio guida € 4 a persona


SPECIALE DADA E DINTORNI
Ciclo di quattro entusiasmanti appuntamenti alla scoperta delle tecniche e delle non-regole del movimento più irriverente, ironico e anarchico del Novecento. Il ciclo di incontri di approfondimento sono condotti da studiosi ed esperti di arte contemporanea dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia. Fra i relatori anche Francesco Tedeschi ed Elena Di Raddo, curatori insieme a Luigi Maria Di Corato, Direttore di Fondazione Brescia Musei, della mostra (domenica 20 novembre, 18 dicembre 2016 e 22 gennaio 2017 - ore 15.00, White Room Museo di Santa Giulia; a seguire ore 16.15 ca. visite guidate speciali).


 


Prenotazione obbligatoria al CUP 030/2977833-834 santagiulia@bresciamusei.com
Tutti i giorni, ore 10.00 – 16.00
 
Le visite guidate verranno effettuate al raggiungimento di minimo 10 partecipanti.

 

 
 
 
 

«  Archivio newsletter